“La mente tra le nuvole”, il convegno di Aleteia a Enna giunge alla 27esima edizione

Condividi l'articolo su:

Emozione, meta-emozione e psicoterapia” questo il titolo dell’edizione 2023 de “La mente tra le nuvole”  appuntamento annuale della scuola di specializzazione Aleteia.  Quest’anno relatori e partecipanti hanno discusso  di meta-emozione, topica sempre più attuale nell’ambito della comprensione e della cura del disagio psichico. Si definisce “meta-emozione”,  la condizione psichica di riflessione e spiegazione che il soggetto esibisce in merito alle emozioni che prova.

Abbiamo scelto di affrontare un tema scientificamente innovativo di cui ci stiamo occupando anche noi, così come avviene in campo internazionale ha dichiarato il direttore di Aleteia, il neuropsichiatra Tullio ScrimaliLo studio sulle emozioni, oggi si arricchisce con un nuovo punto di vista, studiando l’emozione che una persona prova dopo essersi emozionato. Provare ansia – per fare un esempio – è un aspetto, però provare altre emozioni riconducibili/determinate dall’ansia può fare la differenza all’interno del quadro clinico.  Con questo convegno – per concludere –  stiamo contribuendo anche noi a far crescere questo settore di ricerca, nell’ambito del quale il terapeuta cerca di comprendere non solo quali siano le emozioni negative che caratterizzano il quadro clinico del paziente ma soprattutto come il paziente viva quelle emozioni. In tal modo si può determinare un nuovo equilibrio, trasferendo al paziente, nuove competenze e abilità finalmente funzionali”.

Tra gli argomenti trattati: meta-emozione e neuroscienze applicate di Tullio Scrimali; l’importanza polivagale nella meta-elaborazione delle emozioni di Sergio Amico; Sibilla Giangreco e Ambra Rinaldi  hanno parlato di psicoterapia delle meta-emozioni;  Ilaria Campo, ha mostrato esperienze tratte dal protocollo/ laboratorio “emotivi anonimi” e i risultati ottenuti. Damiana Tomasello, ha relazionato sulle emozioni in gravidanza, proponendo  strategie di prevenzione della depressione perinatale. Nella seconda parte del congresso, seguito anche in diretta online, ancora intelligenza emotiva e meta – emozioni: dall’assestamento all’intervento di Antonella D’Amico; Tiziana Arena e Barbara Perna hanno affrontato musica, emozioni e le meta-emozioni che da essa derivano; Nicoletta Lanza ha portato un complesso caso di psicotraumatologia e ancora Simona Ingrà ha esposto un’esperienza clinica dal “laboratorio emotivo anonimi”;  Marta Messina, ha relazionato su meta-emozioni in gioco e per finire Nella Tiralongo, ha disquisito su meta-emozioni e Emdr. Nel pomeriggio  il workshop didattico di Aleteia.



Condividi l'articolo su: