La Polizia di Stato di Enna commemora Giovanni Palatucci, ex questore di Fiume

Condividi l'articolo su:

Nel settantanovesimo anniversario della morte di Giovanni Palatucci, ex questore di Fiume, il 10 febbraio il questore di Enna, Corrado Basile, ha deposto una corona sulla targa commemorativa installata in suo onore lo scorso anno presso il Monumento ai Caduti, posto nelle immediate vicinanze del Castello di Lombardia di Enna.

Il questore di Enna, ha brevemente ricordato la figura del Palatucci, nato a Montella (AV) il 31 maggio 1909 che, dopo la maturità classica conseguita a Salerno nel 1928, svolse nel 1930 il servizio militare a Moncalieri (TO) come allievo ufficiale di complemento. Nel 1932 conseguì la laurea in giurisprudenza presso l’Università di Torino. Nel 1936 giurò come volontario vice commissario di Pubblica Sicurezza. Nel 1937 venne assegnato alla Questura di Fiume, inizialmente quale responsabile dell’ufficio stranieri e poi con l’incarico di reggente della stessa Questura.

Per aver salvato dal genocidio migliaia di ebrei italiani e stranieri, fu accusato di cospirazione e intelligenza con il nemico, pertanto il 13 settembre 1944 venne arrestato dai militari tedeschi e tradotto nel carcere di Trieste. Il 22 ottobre venne trasferito nel campo di lavoro forzato di Dachau, dove morì di stenti due mesi prima della liberazione, il 10 febbraio 1945, a soli 36 anni.

Nel 1995 per la meritoria attività volta, è stato riconosciuto “Giusto tra le Nazioni”, per la Chiesa cattolica è “Servo di Dio”, mentre la Repubblica Italiana gli ha conferito la “Medaglia d’Oro al Merito Civile”.

La sua commemorazione di questa mattina, alla presenza di altre autorità civili e militari, è stata impreziosita dalla presenza di una rappresentanza studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Abramo Lincoln” che, guidati dal dirigente scolastico e da docenti dell’Istituto, hanno letto un loro elaborato frutto di una attività di ricerca sull’eroe della seconda guerra mondiale.

Alla cerimonia hanno altresì presenziato anche il presidente ed i soci dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato.

 



Condividi l'articolo su: