Nicosia, sfilata di auto d’epoca per i 40 anni della collezione Lopresto – VIDEO & FOTO

Condividi l'articolo su:

 

L’architetto ed imprenditore milanese Corrado Lopresto colleziona, praticamente da tutta la vita, auto d’epoca costruite in Italia e si dedica  anche ai lavori di restauro, con grande attenzione per i dettagli e la conservazione delle condizioni originali delle macchine.

Le sue vetture partecipano a concorsi di eleganza in tutto il mondo ed al suo impegno senza dubbio si può riconoscere grande merito di valorizzazione del patrimonio automobilistico storico italiano.

Oltre a concorsi e mostre, le auto della collezione sono sempre presenti a raduni e gare di regolarità nazionali ed internazionali, come Mille Miglia, GP Nuvolari, Giro di Sicilia, Targa Florio, Bergamo Historic GP, Vernasca Silver Flag e così via…

Per festeggiare i 40 anni della sua collezione, nata con l’acquisto della storica Balilla che risale al 23 dicembre 1979, ma anche per ricordare il settantesimo anniversario del Raid Reggio Calabria – Milano di Luigi Fiertler con la sua microvettura Lupetta, Lopresto ha deciso di proporre un evento unico dal 14 al 22 dicembre, un viaggio che attraversa tutta l’Italia, da Sud a Nord, da Palermo a Milano, per incontrare amici e appassionati pronti ad unirsi nel tragitto con auto costruite preferibilmente entro il 1949.

In occasione del passaggio da Nicosia della XXIX edizione della rievocazione storica del Giro di Sicilia, nel giugno di quest’anno, Lopresto, che partecipava con uno dei circa 250 equipaggi che sono transitati da Nicosia. era rimasto piacevolmente stupito dall’accoglienza dell’organizzazione affidata a Nicosia all’Associazione Veicoli Storici, coadiuvata praticamente da tutte le principali associazioni nicosiane, che hanno saputo trasformare il centro storico della cittadina in un set cinematografico anni 50, con diverse scenografie e centinaia di personaggi vestiti in abiti del periodo.

Ecco perchè la decisione di un passaggio, sabato 14 dicembre, delle auto d’epoca anche da Nicosia.

Accolte a suon di tamburo, le vetture provenienti da Sperlinga, attraversata la Piazza Garibaldi, sono state parcheggiate sulla via F.lli Testa dove striscioni ai balconi teletrasportavano nel passato ed i conducenti sono stati invitati a entrare in una “osteria” allestita appositamente in cui tra i tavoli in cui vecchietti giocavano a carte, un oste offriva piatti tipici e un bicchiere di vino per riscaldarsi un pò.

Un sindaco in versione anni 50 li attendeva per un saluto ufficiale, nella sala di un municipio ricostruita per l’occasione, mentre una officina anni 50 era pronta a soccorrere le vetture che ne avessero avuto bisogno.

Sulla soglia di una sartoria del periodo,  la gente curiosa osservava le auto, mentre un sacerdote benediceva tutti i presenti.

Insomma, anche in questa occasione, nonostante soffiasse un forte vento e facesse chiaramente molto più freddo rispetto alla bella giornata di giugno dedicata alla rievocazione del Giro di Sicilia, Nicosia ha saputo spiccare per l’accoglienza alle vetture.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *