Quarantena, emozioni amplificate attraverso il freddo schermo di un pc

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Una bella ragazza sorregge un grande mazzo di rose rosse tra le braccia, dinnanzi a golosi dolci disposti su una tavola decorata con pizzo anch’esso rosso, mostrando un sorriso smagliante nel suo tailleur bianco, sotto la corona di alloro posta sul capo …

Questo possiamo osservare nella foto di laurea che ci spedisce uno zio emozionato, tanto commosso da non riuscire quasi neppure a parlare…

Non si capisce bene se queste emozioni contrastanti vengano addirittura amplificate dalla cerimonia cui si è costretti a partecipare “a distanza”, attraverso lo schermo freddo di un computer, in videochiamata… impossibilitati a regalare un abbraccio.. un  bacio… come pure a sostenere con lo sguardo a distanza i laureandi nella elegante aula magna di una Università, perchè  per questa sessione essi non siedono di fronte alla cattedra dei docenti universitari, ma sono costretti a discutere la propria tesi nel salotto della propria casa, dove non possono accedere neppure parenti e amici.

Anche lei, Maria Rita Testa Camillo ha conseguito la laurea durante il periodo di quarantena, nella città di Capizzi.

È diventata dottoressa in chimica e tecnologie farmaceutiche.

Questo ci racconta della discussione della sua tesi a distanza:

<<È stato molto emozionante! Ho percepito tanto amore… soprattutto da parte dei miei genitori… e  questo ha colmato tutte le mancanze che la situazione ci ha imposto…>>

Certo, dalla foto forse non sembrerebbe, ma sono tante le mancanze che derivano dalla discussione di una tesi di laurea a distanza.

In primo luogo mancano gli affetti più cari, che non possono partecipare fisicamente alla gioia del momento:  <<Sicuramente chi mi è mancato di più è stato il mio fidanzato… insieme ai  nonni, che non sono chiaramente potuti essere presenti… Il mio pensiero va in particolare a uno dei nonni che oggi non c’è più, a cui avevo dedicato la tesi… I miei colleghi e i miei zii mi sono stati vicini tramite le videochiamate e quindi ho comunque sentito la loro presenza. Anche il mio fidanzato è stato in videochiamata per tutto il tempo della discussione e della proclamazione, quindi l’ho sentito molto vicino… E poi mi ha inviato i fiori… >>

In questo momento particolare si fa come si può, ma come si vede nella foto la mamma ha saputo sfornare una torta degna dell’occasione.

La nostra redazione si unisce alla gioia, congratulandosi con Maria Rita per il traguardo raggiunto!

Invitiamo chi voglia condividere esperienze e considerazioni legate alla quarantena a scriverci all’email direzione@telenicosia,it allegando due foto a testo e/o video.

#Altempodelcorona

#DistantiMaUniti

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: