Ricci Weekender back torna per unire musica, food e buoni vini

Condividi l'articolo su:

Sale il desiderio di rivivere uno dei più entusiasmanti appuntamenti della fine dell’estate per la Sicilia orientale: il festival internazionale Ricci Weekender 2022. Un evento di ampio respiro in grado di riunire in modo raffinato il gusto della buona musica, del buon cibo e dell’enologia siciliana.

Il Ricci Weekender nacque nel 2018 dalla collaborazione tra il club Mercati Generali di Catania, il DJ e produttore Gilles Peterson (noto su BBC Radio 6 e l’emittente londinese Worldwide FM, oltre ad essere proprietario della Brownswood Recordings) ed Ed Wilson (proprietario del rinomato ristorante Brawn di Londra). La loro passione viscerale per la musica, il cibo e il vino naturale li ha uniti per dare vita al Ricci Weekender, fondendo le delizie culturali della Sicilia con una selezione internazionale di artisti emergenti e affermati.

“La cultura enogastronomica è nel DNA dell’isola, tanto da dedicargli opere audiovisive ad hoc – così riporta il sito Latenightstreaming.com -, come i documentari di Jonathan Nossiter, realizzati nel 2004 “Mondovino” e nel 2014 “Resistenza naturale”, per raccontare l’impatto controverso della globalizzazione sui produttori di vino e l’esperienza dei viticoltori italiani. E ancora i film di Alexander Payne, “Sideways” (2004) e di Cédric Klapisch, “Ritorno in Borgogna” (2017) presentati a Palermo. Per gli appassionati di cortometraggi ed i winelovers da non perdere “Ciak…. si beve”, una minirassegna di short film in accoppiata con i vini dell’Etna”.

Fusioni perfette di tradizione e di innovazione degli eventi che li fanno diventare veri e propri must per la comunità, come “Calici sotto le stelle – Notte Bianca” per i nicosiani. Il Ricci Weekender Festival torna dal 9 all’11 settembre con una line up ricercata, più aperta alla club culture ma con la sua inconfondibile abilità nel connettere jazz e musica indipendente con il meglio della cucina contemporanea.

Gli appuntamenti potranno contare sulle atmosfere esclusive degli storici Mercati Generali catanesi, le sale del Palazzo Biscari, emblema del barocco siciliano, il cortile del monumentale Castello Ursino e il giardino botanico di Radicepura a Giarre. In arrivo lo chef Italo-egiziano Mitshel Ibrahim, l’etneo Seby Sorbello e Massimiliano Vasta di Riposto (CT), il collettivo di riscoperta musicale partenopea Napoli Segreta, musica ambient con sonorità indiane accanto a jazz, cantautorato, folk ed elettronica.

A chiudere la Cantina Benanti ospiterà il tradizionale brunch domenicale con le squisitezze di Seby Sorbello, nell’ottocentesca tenuta di Viagrande alle pendici dell’Etna.

 


Condividi l'articolo su: