Si è svolto l’1 marzo a Troina “Vivere nel suolo” per il progetto di legalità ambientale

Condividi l'articolo su:

Grande entusiasmo e partecipazione per l’evento che ha coinvolto centinaia di studenti dell’Istituto Comprensivo “Don Bosco” di Troina, tenutosi presso la Cittadella dell’Oasi. Questo importante momento di riflessione dal titolo “Vivere nel suolo”, si colloca nell’ambito del Progetto Legalità realizzato in collaborazione con l’Ente Parco dei Nebrodi, con la Società Italiana della Scienza del Suolo, con l’Università degli Studi di Palermo e con il patrocinio delle Amministrazioni dei Comuni di Troina, di Gagliano C. To e di Cerami.

Oggi, fare Educazione Ambientale, è di primaria importanza, un obiettivo strategico per il presente e per il futuro del nostro Paese. Le future generazioni devono imparare a prendersi cura del nostro pianeta iniziando dal suolo, perché una società consapevole non può eludere comportamenti mirati alla salvaguardia del patrimonio naturale.

“L’ambiente deve essere per tutti un libro di conoscenza, il terreno più fertile dove tutti si incontrano, tutti uguali, tutti diversi per offrire, non solo una pluralità di interventi, ma un’unicità di intenti affinché si possa programmare insieme, salvaguardare e gestire il patrimonio sociale e culturale” ecco quanto affermato dall’Ins. Maria Grasso, referente per il Progetto Legalità dell’I.C.” Don Bosco” e avallato dalla Vicaria Anna Maria Furia che, ha sottolineato la necessità di fare dell’Educazione Ambientale uno dei punti cardini dell’educazione, perché solo sensibilizzando le future generazioni si può avviare un processo di cambiamento culturale attento alla dinamiche ambientali ed al buon governo del territorio.

Questo il fil rouge da cui si dipana l’intero evento: “Vivere nel suolo” la tematica centrale su cui ha ruotato l’intera giornata e che ha visto la partecipazione di ospiti illustri, quali il Presidente dell’Unione Internazionale delle Scienze del Suolo, Takashi KOSAKI; Paola ADAMOPresidente della Società Italiana della Scienza del Suolo; Anna BENEDETTICoordinatrice per l’Italia del Partenariato Globale per il Suolo presso la FAO.

“Il suolo può essere paragonato ad un organismo vivente che nasce, cresce, si sviluppa e, se non adeguatamente tutelato, può anche morire. Il suolo costituisce il mezzo che permette alle piante e agli animali di vivere e di svilupparsi, e all’uomo di svolgere tutte le sue attività” – come afferma l’esimio Prof. Carmelo Dazzi. “Purtroppo l’uomo non si ferma a riflettere su quanto il suo benessere sia fondamentalmente connesso al suolo: lo usa ma soprattutto ne abusa, marcando ogni angolo della terra con la sua impronta”

Protagonisti indiscussi di questa giornata sono stati gli alunni dell’I. C.”Don Bosco” che, con la loro espressività e creatività hanno offerto spunti di riflessione con i lavori che hanno realizzato nell’ambito del I° Concorso per il Decennio Internazionale dei Suoli dal titolo “Vivere nel suolo: noi futuri guardiani della Natura”.

Il Commissario Straordinario dell’Ente Parco dei Nebrodi, il Dott. Gianluca Ferlito ha decretato le classi vincitrici, che avranno l’opportunità di visitare i luoghi incontaminati del Parco dei Nebrodi; Il Dott. Ferlito ha sottolineato – “Quanto sia stato difficile operare una scelta che, dopo un’attenta valutazione è ricaduta sulle classi che si sono maggiormente distinte per l’originalità e la creatività con cui hanno affrontato ed elaborato la tematica in essere”. Inoltre il Dott. Ferlito, ha esortato gli alunni, future generazioni, ad essere “paladini della tutela ambientale e salvaguardare quanto di più è essenziale alla sopravvivenza dell’uomo: il suolo”.

Momento clou dell’evento, è stato l’intervento dell’Assessore Regionale dell’Istruzione e della Formazione Professionale, On. Roberto La Galla, il quale con entusiasmo e trasporto ha invitato gli alunni ad essere ambasciatori di cultura perché il rispetto dell’ambiente prima di tutto passa attraverso la “conoscenza”.

Alla manifestazione hanno presenziato il Sindaco di Troina, Sebastiano Fabio Venezia; il Presidente del Consiglio di Gagliano C.to, Giuseppe Candito; l’Assessore allo Sviluppo Economico e all’Agricoltura del Comune di Cerami, Silvestro Cacciato.

Musica, poesia e arte, si sono intrecciate e hanno dato vita alla performance musicale dell’Orchestra “Don Bosco” e allo spettacolo “Il suolo siamo noi”, a cura l’Associazione Teatrale “I Viandanti” di Troina .

A conclusione della giornata, sorge spontanea una domanda: “Che tipo di mondo desideriamo lasciare in eredità alle future generazioni? C’è ancora speranza per preservare il nostro amato Pianeta?”

A questo quesito rispondiamo con il monito di Papa Francesco: «L’umanità ha ancora la capacità di collaborare per costruire la nostra casa comune», «l’essere umano è ancora capace di intervenire positivamente» «non tutto è perduto, perché gli esseri umani, capaci di degradarsi fino all’estremo, possono anche superarsi, ritornare a scegliere il bene e rigenerarsi» Infatti la difesa del Suolo non ha altra finalità che non sia la difesa della Vita”

 

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: