Un gesto di onestà a Troina: Simona Calabrese restituisce un portafogli con 220 euro trovato in strada, un esempio di senso civico da applaudire

Condividi l'articolo su:

Simona Calabrese, una giovane donna troinese, trova in via Marchesino, nel quartiere Borgo, un portafogli con 220 euro e si premura di farlo riavere alla persona che l’ha perduto.

“Erano le 17.30 circa quando, passando per via Marchesino, ho visto a terra delle banconote ed un portafoglio aperto. L’ho preso ed ho visto che dentro c’erano altre banconote e un documento di riconoscimento intestato a Polizzi Ignazio”, ci ha raccontato Simona.

In quel tardo pomeriggio di venerdì c’era già buio.  Simona non sa chi possa essere la persona che l’ha perso. In primo momento pensa che a perdere il portafogli sia stato qualcuno che abita in via Marchesino.

Ho bussato a molte porte di via Marchesino per chiedere se qualcuno di casa avesse perso il portafogli con i soldi, ma nessuno degli abitanti aveva perso il portafogli”, ci ha detto Simona.

E’ un comportamento di apprezzabile onestà quello tenuto dagli abitanti di via Marchesino. A questo punto, la giovane troinese chiama il comando dei vigili urbani per consegnargli il portafogli con tutti i soldi che c’erano dentro e fuori sulla strada. A riceverlo sono i due vigili urbani Silvestro Militello e Salvatore Militello, che quel pomeriggio di lunedì erano in servizio.

Nel portafogli che Simona ci ha consegnato c’era il documento di riconoscimento intestato a Polizzi Ignazio, che abbiamo subito cercato e trovato, al quale abbiamo consegnato il portafogli con i soldi”, ci hanno detto i due vigli urbani. Polizzi non si era ancora accorto di aver perso il portafogli, ma averlo di nuovo tra le sue mani è stata una piacevole sorpresa.

Nel portafogli ritrovato e restituitogli, c’erano tutti i 220 euro che Polizzi si ricordava di avergli messo. Naturalmente ha ringraziato Simona, che considera quello che ha fatto un gesto normale: “Può capitare a chiunque trovare un portafogli per strada; ed è un dovere farlo riavere alla persona che l’ha perso”. Non c’è che dire: il gesto di Simona è un bel gesto di senso civico.

Silvano Privitera



Condividi l'articolo su: