Carabinieri Enna effettuano controlli in aziende zootecniche: arrestato un titolare, chiusi due stabilimenti, irrogate sanzioni amministrative per presenza di lavoratori in nero

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I carabinieri del Nas di Catania e del Nil di Enna, con l’ausilio dell’Arma territoriale e del Dipartimento di Sanità pubblica veterinaria dell’Asp, nel corso di un’attività ispettiva congiunta presso un allevamento con annesso un caseificio della provincia di Enna, hanno tratto in arresto il titolare dell’azienda, un pregiudicato 45enne, per furto di acqua potabile proveniente dalla rete idrica pubblica.

Accertato, altresì, che l’uomo utilizzava l’acqua di un pozzo per la lavorazione dei prodotti caseari, sebbene fosse priva di idonea certificazione e quindi con potenziale grave rischio per la salute dei consumatori, i militari hanno anche sequestrato 350 kg circa di formaggi e disposto la chiusura immediata dello stabilimento.

Nel medesimo contesto sono state rilevate numerose irregolarità nell’assunzione dei dipendenti e quindi irrogate le previste sanzioni amministrative per un ammontare di oltre 6.000 euro.

Ma non è un caso isolato. solo pochi giorni orsono, nell’ambito della medesima strategia operativa e sempre nella provincia ennese, i militari del Nas di Catania e del Nil di Enna avevano individuato un allevamento suino abusivo, mai sottoposto ad alcuna profilassi né a registrazione sanitaria e che pertanto è stato posto in sequestro. anche in tale circostanza si accertava la presenza in azienda di lavoratori in nero, con la conseguente immediata sospensione dell’attività imprenditoriale e l’applicazione della “maxi-sanzione” di oltre 14.000 euro.

E’ opportuno evidenziare che le cattive condizioni igieniche degli allevamenti, in cui gli animali sfuggono alle previste profilassi sanitarie ed ai controlli veterinari, favoriscono la diffusione delle zoonosi e le mutazioni degli agenti patogeni in ceppi più pericolosi, con conseguente danno per il patrimonio zootecnico regionale e nazionale e potenziale pericolo di veicolazione di malattie all’uomo.

Sul fenomeno sarà mantenuta alta e costante l’attenzione, è in atto un imponente programma ispettivo a tutela del diritto alla salute dei cittadini e per arginare il lavoro nero, il caporalato e le violazioni sulla sicurezza dei luoghi di lavoro.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: