Come iniziare una relazione LGBT sana

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Una relazione sana, premettiamo, lo è a prescindere dall’orientamento sessuale che possiedi. Se fai parte dello spettro LGBT, potresti avere però qualche difficoltà in più: non a causa tua, ma delle timidezze e delle paure causate da una società talvolta ancora ostile. Le coppie gay e lesbiche, infatti, non lottano solo contro le emozioni proprie dell’amore, ma anche con un senso di inferiorità sociale talvolta interiorizzato (purtroppo). Ma vediamo tutto con ordine.

  • I segni di una relazione sana

Cos’è una relazione sana? È, per usare una metafora, un legame in cui si procede insieme, ma ognuno cammina dritto sulle proprie gambe. Una relazione di questo tipo si riconosce da alcune caratteristiche, che entrambi posseggono:

– rispetto dei confini personali

– comunicazione regolare

– dimostrazioni di interesse e cura

– amore e affetto incondizionati

– entrambi i partner sentono di poter essere se stessi.

L’ultimo punto, in particolare, è il più importante. Le relazioni tossiche si instaurano quando uno dei due partner, spinto dalla paura dell’abbandono e da paure profonde, rinuncia a se stesso per divenire dipendente dall’altro; lo stesso accade quando uno dei due si pone come elemento dominante della coppia riducendo l’altro a una subordinazione che annienta la sua personalità. Una relazione sana, invece, si riconosce dal fatto che ognuno dei due, in momenti diversi, può essere al traino della coppia e che ciascuno si sente a proprio agio nell’esprimere veramente se stesso.

  • Come conoscere persone LGBT

Nelle principali città italiane esistono locali LGBT, normalissimi bar e ristoranti che si pongono però come punti di ritrovo privilegiati per gay, lesbiche e transessuali: in questi locali è più facile conoscere persone nuove sentendosi se stessi ed evitando il rischio di aggressioni omofobe. La comunità LGBT è stata però una delle prime a scoprire e usare massicciamente i siti di incontri: secondo uno studio americano di qualche tempo fa, il 70% delle coppie gay pareva essersi formato proprio a partire da internet. Quindi, nonostante lo sviluppo dei locali, alcune persone sono semplicemente timide e preferiscono il dating online. È molto importante scegliere il sito guardando le recensioni sui migliori siti incontri lesbo per trovare una potenziale anima gemella evitando servizi fraudolenti.

  • Possibili problemi in una coppia

I possibili problemi di una coppia omosessuale sono, in parte, gli stessi che qualsiasi coppia deve affrontare nel corso della sua durata: il cambiamento degli obiettivi di vita di uno dei due partner, ad esempio, il crollo della comunicazione, la gelosia esasperata o il decadere dell’intimità fisica. Ma alcuni problemi sono anche legati all’impianto omofobo della società, che va a influire su una coppia molto più di quanto non si pensi.

Se ad esempio uno dei due partner non volesse fare coming out con tutta la sua famiglia, con gli amici, con i colleghi di lavoro? Le paure sono legittime, ma una differenza di vedute su questo punto può scatenare non pochi problemi, non pochi dolori.

La mancanza di una comunità sociale coesa e unita intorno alla coppia LGBT, poi, fa il resto: se non c’è una poderosa capacità di fare squadra tra partner, a breve la solitudine da cui la coppia è circondata può minarla fin nel suo interno.

Non dimentichiamo la cosiddetta omofobia interiorizzata, poi: questa si ha quando una persona gay o lesbica, per colpa di una educazione omofoba ricevuta nell’infanzia, rimane convinta di essere sbagliata, inferiore, o porta nella coppia schemi latamente omofobi e ci si adegua. Un esempio di questa ultima cosa si ha quando, ad esempio, si vuol creare una rigida divisione di ruoli tra chi nella coppia è più mascolino/a o più femminino/a.

  • Coppie celebri e felici

– Jodie Foster e Alexandra Hedison

L’attrice premio oscar e la fotografa sono insieme dal 2013 e nel 2014 si sono sposate. Le due donne sono entrambe sostenitrici attive della causa LGBT, di cui parlano pubblicamente in tutte le maggiori occasioni, ma sono molto riservate nella loro relazione: hanno preferito che il loro matrimonio rimanesse segreto, “protetto” dai media.

– Sir Elton John e David Furnish

Si tratta forse della coppia gay più famosa del mondo. Inossidabili, inseparabili, i due sono insieme dal 1993. Cantante Elton John, regista David Furnish, anche loro come Foster e Hedison sono una coppia unita nell’arte. Sposati dal 2005, hanno due figli adottivi. Pare che da venticinque anni, ogni settimana si scrivano una lettera d’amore a mano e se la consegnino. Non c’è forse coppia più romantica al mondo.

– Ellen Degeneres e Portia de Rossi

I giornali di tutto il mondo parlano di loro come della “coppia perfetta”. La conduttrice e l’attrice dal 2004 fanno coppia fissa e sono sposate dal 2008. Il loro amore, nato all’improvviso quando erano già impegnate, è una fiamma mai spenta e tutti i paparazzi non possono fare a meno che constatarlo, arrendendosi alla potenza di quest’affetto nonostante la stampa scandalistica abbia più volte tentato di scoprirvi delle crepe.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.