Ecografo di ultima generazione all’Ospedale Umberto I di Enna

Condividi l'articolo su:

L’Unità Operativa Complessa Medicina Interna dell’Ospedale Umberto I di Enna è stata dotata di un ecografo di  ultima generazione, definito dagli esperti “top di gamma”. Il dottor Mauro Sapienza, direttore dell’U.O.C. Medicina Interna dell’Ospedale  Umberto I e docente presso la Scuola Medica Ospedaliera SIUMB di Ecografia Clinica  dell’ARNAS Garibaldi di Catania, illustra le caratteristiche della tecnica ecografica e  del nuovo strumento in dotazione presso il suo reparto: “L’Ecografia, come guida nella diagnosi e terapia, è ormai indispensabile nell’attività di coloro che si occupano di Medicina Interna. Gli Internisti, i Gastroenterologi, gli Epatologi hanno dato negli ultimi trent’anni un impulso notevole all’ultrasonografia nazionale. Oggi la Ecografia clinica con l’utilizzo delle nuove metodiche dell’ecointerventistica è ormai una realtà all’interno dell’Ultrasonografia internistica ed i Medici Internisti, Gastroenterologi,  Epatologi  si sono resi conto che, grazie alla possibilità di utilizzare personalmente l’ecografia come un “prolungamento del fonendoscopio”, possono essere in grado di gestire più rapidamente ed in modo più completo le problematiche cliniche nei pazienti. L’ecografia a disposizione del clinico rappresenta un metodo rapido ed accurato per esplorare più in profondità un organo od apparato sospetti sede di patologia. I pazienti, da tale metodica, ne traggono vantaggi  per la rapidità e la tempestività diagnostica e per la sicurezza nella esecuzione delle manovre invasive.  Sicuramente l’ecografia ha acquistato una “popolarità”  che non è riscontrabile per nessun altra metodica diagnostica ed il suo campo di azione è andato progressivamente dilatandosi al punto che non sembra esagerato  affermare che tutte le varie discipline utilizzano  la diagnostica per ultrasuoni. Il  nuovo ecografo, inoltre,  è dotato delle più moderne caratteristiche tecnologiche, come il modulo per l’imaging elastografico delle strutture epatiche con tecnologia shear wave, per lo studio quali-quantitativo non invasivo della fibrosi epatica”.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *