La Polizia di Stato di Enna celebra con le scuole la giornata internazionale dei bambini scomparsi

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

ARTICOLO PUBBLICATO IL 25 Maggio 2021

Nella mattinata del 25 maggio 2021, in occasione della giornata internazionale dei bambini scomparsi, personale della Divisione Polizia Anticrimine della Questura di Enna ha incontrato gli studenti della Scuola Media Statale “G. Pascoli” e della Scuola Media Statale “G. Garibaldi”.

In due diversi momenti, gli agenti hanno tenuto incontri con gli studenti di alcune terze classi, per sensibilizzarli sull’importanza della problematica illustrando l’attività svolta dalla Polizia di Stato a favore degli adolescenti che vivono una situazione di disagio a causa di svariati problemi, quali situazioni familiari, maltrattamenti, bullismo e cyberbullismo.

Nella circostanza sono stati distribuiti opuscoli illustrativi e segnalibri, realizzati dal Servizio Centrale Anticrimine in collaborazione con il Servizio Polizia Postale, con linguaggio chiaro e direttamente rivolto ai ragazzi, con informazioni utili, numeri telefonici e indirizzi social cui potersi rivolgere per una prima richiesta di aiuto.

L’incontro si è concluso con l’invito delle scolaresche a visitare gli Uffici della Questura per comprendere, più da vicino, il lavoro svolto quotidianamente dalla Polizia di Stato.

Presso l’Istituto “Garibaldi”, il personale della Questura, i docenti e gli studenti hanno immortalato l’incontro con una foto di gruppo innanzi al “Giardino dei Giusti”, un progetto realizzato dalla scuola, che ha piantato un albero per ciascun personaggio ritenuto meritevole di ricordo, tra cui anche l’agente di Polizia Emanuela Loi, della scorta del giudice Borsellino, morta nella strage di Via d’Amelio.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.