Presentata la XXVI edizione di “Nicosia in fiore… verso la rinascita” – VIDEO

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Con molto coraggio, caparbietà e speranza, la sezione di Nicosia della Fidapa non ha rinunciato quest’anno all’organizzazione della XXVI edizione di “Nicosia in fiore” e con il patrocinio del Comune di Nicosia e nel rispetto di tutte le prescrizioni previste per l’emergenza coronavirus ha deciso di far svolgere la prima manifestazione della provincia di Enna domenica 14 giugno.

La presentazione di questo evento, divenuto ormai storico per la città di Nicosia, è avvenuto presso l’adrone comunale alla presenza della presidente della Fidapa di Nicosia, Patrizia Castrogiovanni, il sindaco di Nicosia Luigi Bonelli e l’assessore al turismo Daniele Pidone, insieme ai maestri che allestiranno lungo le vie del centro storico nei quartieri i diversi quadri dell’infiorata.

Come ha voluto ribadire nel suo intervento Patrizia Castrogiovanni, si tratta di una ripresa e di una rinascita di Nicosia dopo l’emergenza coronavirus, si rinasce anche con queste attività e soprattutto con le manifestazioni storiche come questa, segno intangibile di una ripartenza e di un ritorno normale alla vita. Anche il sindaco Luigi Bonelli, dello stesso parere, ha voluto segnalare come la rinascita parta soprattutto dalle manifestazioni e spera che si dia seguito anche ad altri eventi che diano un chiaro segnale di rinascita a tutta la popolazione, anche a coloro che psicologicamente escono provati da questa emergenza mondiale.

L’emergenza coronavirus, da cui l’intero paese piano piano sta uscendo, ha sconvolto l’organizzazione tradizionale dell’evento. Quest’anno infatti tutti i bozzetti non verranno realizzati nella salita di via Li Volsi, tradizionale location della manifestazione, ma verranno allestiti lungo il centro storico di Nicosia e nei quartieri storici. In questo modo tutta Nicosia sarà coinvolta e verranno rispettati i protocolli di sicurezza ancora in atto che prevedono i divieti di assembramento e la distanza sociale.

I quadri verranno realizzati in via IV Novembre nei pressi della statua di San Felice, dall’Associazione Dacosa Nascecosa, nel sagrato della chiesa del Carmine dalla Pro Loco e dalla Scuderia Ferrari club di Nicosia, a Sant’Antonio dalla Confesercenti, in piazzetta San Calogero dalla Fidapa, in piazza Garibaldi dal maestro Salvatore Tamburello, a Santa Maria Maggiore dai Madonnari di Sicilia e a San Michele dall’Associazione Comitato per Santa Maria Maggiore dal maestro Nino La Vigna.

L’allestimento inizierà dalle 16 di sabato 13 giugno, i quadri verranno realizzati senza fiori, per rispettare gli alti costi del prodotto, ma con materiali che ne permettono la durata per più giorni.

Il 14 giugno alle 11 in piazza San Calogero avverrà l’inaugurazione con la presenza dei vertici della Fidapa, il vescovo della Diocesi di Nicosia, mons. Salvatore Muratore e il sindaco di Nicosia, Luigi Bonelli.

Accanto alla manifestazione principale sono stati organizzati altri eventi: in piazza Garibaldi il Lions Club ha organizzato “Ritratto in piazza” a cura del fotografo Vincenzo Ingrassia. Il Gruppo Fai raccoglierà le firme per “I luoghi del cuore”, che quest’anno vede in concorso Nicosia con la celebre Cona del Gagini. L’Associazione Moica allestirà una mostra di costumi d’epoca.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sergio Leonardi

Sergio Leonardi è un giornalista nato a Messina. Laureato nel 1992 in Economia e Commercio. Con la passione per la statistica, informatica, storia, sport e politica. Tra i fondatori di telenicosia.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: