Covid, nella prima settimana in ‘zona biancà, in Sicilia 784 contagi

Condividi l'articolo su:

ARTICOLO PUBBLICATO IL 28 Giugno 2021


PALERMO (ITALPRESS) – L’ufficio Statistica del Comune ha reso noti i dati relativi all’andamento della pandemia in Sicilia e diffusi ieri dal Dipartimento della Protezione Civile. La settimana appena conclusa, prima in zona bianca ha fatto registrare risultati molto favorevoli, come già la settimana precedente: sono sensibilmente diminuiti i nuovi positivi e i ricoverati. Sono diminuiti anche i ricoverati in terapia intensiva, i nuovi ingressi in terapia intensiva e le persone decedute. I nuovi positivi in Sicilia sono 784, il 37,1% in meno rispetto alla settimana precedente, quando già si era registrata una diminuzione del 31,3%. E’ l’incremento settimanale più basso dallo scorso mese di settembre. Il numero degli attuali positivi è pari a 4368, 1192 in meno rispetto alla settimana precedente.
3) Le persone in isolamento domiciliare sono 4183, 1112 in meno rispetto alla settimana precedente. I ricoverati sono 185, di cui 23 in terapia intensiva. Rispetto alla settimana precedente sono diminuiti di 80 unità (i ricoverati in terapia intensiva invece sono diminuiti di 3 unità). Si sono registrati 9 nuovi ingressi in terapia intensiva (-18,2% rispetto agli 11 della settimana precedente). Il numero dei guariti (221038) è cresciuto di 1947 unità rispetto alla settimana precedente. La percentuale dei guariti sul totale positivi è pari al 95,5% (era il 95,0% domenica scorsa). Il numero di persone decedute registrato nella settimana è pari a 29 (la settimana scorsa 31). Complessivamente le persone decedute sono 5965 e il tasso di letalità (deceduti/totale positivi) è pari al 2,6% (come ormai dal 17 aprile). I ricoverati complessivamente rappresentano il 4,2% degli attuali positivi (i ricoverati in terapia intensiva lo 0,5%).
(ITALPRESS).



Source link


Condividi l'articolo su:

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.