Ministro Giulia Grillo: “236 milioni per 42 ospedali siciliani”, a Nicosia 13.5 milioni di euro – VIDEO

Condividi l'articolo su:

Sbloccati 236 milioni per lavori negli ospedali siciliani!

Dalle parole ai fatti! Sbloccati i fondi per 42 ospedali e strutture sanitarie siciliani, grazie al lavoro fatto dal Nucleo di valutazione degli investimenti del Ministero della Salute. Ora sono finalmente disponibili più 236 milioni solo per la Sicilia.I cantieri spero che si aprano in poco tempo e che siano veloci. Anche perché resto saranno disponibili risorse per altre 17 interventi. Basta luoghi fatiscenti e in certi casi pericolosi. La salute e la dignità dei cittadini passano anche da luoghi di cura decorosi. Non vedo l’ora che aprano i cantieri. Rimbocchiamoci le maniche!

Pubblicato da Giulia Grillo su Lunedì 22 luglio 2019

Dalle parole ai fatti ! Sbloccati i fondi per 42 ospedali e strutture sanitarie siciliani, grazie al lavoro fatto dal Nucleo di valutazione degli investimenti del ministero della Salute”. Ad annunciarlo sulla sua pagina Facebook è il ministro della Salute, Giulia Grillo, “Quelli di oggi sono i primi 236 milioni e presto arriveranno i fondi per altri interventi in almeno 17 altre strutture siciliane”.

Questo il dettaglio dei principali interventi, anticipati dal ministro Grillo: quasi 40 milioni per la messa a norma del “Cervello” di Palermo, 21 milioni per il nuovo presidio polivalente di Alcamo, 12 milioni per il “Sant’Elia” di Caltanissetta, 14 milioni per il “Sant’Antonio Abate” di Trapani, 10 milioni per il “Sant’Isidoro e San Giovanni di Dio” di Giarre, 13 milioni per un nuovo poliambulatorio al “Cannizzaro” di Catania, 13 milioni per l’ospedale pediatrico “Di Cristina” di Palermo, 13,5 milioni per il “Basilotta” di Nicosia, 11,5 milioni per l’ospedale di Corleone.

Basta luoghi fatiscenti: la salute e la dignità dei cittadini siciliani passano anche proprio dal decoro dei luoghi di cura ed è una questione di rispetto. Adesso non vedo l’ora che aprano i cantieri. Rimbocchiamoci le maniche e partiamo”.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *