Nicosia, si è svolto il 2 gennaio il tradizionale concerto di Capodanno – VIDEO

Condividi l'articolo su:

Anche quest’anno l’associazione musicale Santa Cecilia, in collaborazione con la Confcommercio e con il patrocinio del Comune di Nicosia, ha organizzato presso la chiesa di San Vincenzo Ferreri, nel quartiere di Santa Maria Maggiore, il tradizionale concerto di Capodanno.

I diversi brani sono eseguiti dall’orchestra di fiati diretta dal maestro Giuseppe Tamburello. Quest’anno ha partecipato al concerto il coro interparrocchiale diretto da Valentina D’Alessandro. La serata è stata presentata da Flavia La Greca.

Durante il concerto è intervenuto il sindaco di Nicosia Luigi Bonelli, l’amministrazione comunale ha omaggiato il maestro Giuseppe Tamburello con una targa che ricorda i 25 anni d’impegno nei diversi eventi che ogni anno si svolgono a Nicosia. Un altro riconoscimento al maestro Tamburello è stato consegnato dal presidente della Confcommercio di Nicosia, Antonio Insinga.

Tanti i brani eseguiti dall’orchestra di fiati e dal coro interparrocchiale, dai più classici, ai popolari, musiche tratte da opere liriche o da celebri canzoni pop. Alcuni di questi brani sono stati eseguiti insieme alle voci soliste, da segnalare il mezzo soprano Valentina D’Alessandro, il soprano Valeria D’Alessandro, ed il baritono Nando Campione.

Tra i brani più coinvolgenti senz’altro la Marcia di Radetzky di Johann Strauss, accompagnata dal pubblico presente con il ritmico battito di mani, anch’esso diretto per l’occasione dal maestro Tamburello.

Il concerto si è concluso con l’esecuzione di due bis: il Coro dei Lombardi e la Traviata di Verdi.

A fine serata con grande orgoglio il maestro Tamburello ha ringraziato i solisti, gli orchestrali ed il coro ed ha letto le motivazioni delle targhe consegnate per il 25mo anniversario della sua attività da Anbima Sicilia, dall’amministrazione comunale di Nicosia e dalla Confcommercio. Ringraziamenti al coro interparrocchiale da parte di Valentina D’Alessandro che lo dirige.

 


Condividi l'articolo su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *