Il GAL Madonie sosterrà quindici progetti di impresa nel settore turistico

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Pubblicato il bando finalizzato alla realizzazione di interventi di micro ricettività diffusa

Si tratta dell’Operazione 6.4 c sul turismo sostenibile che incentiva giovani e donne a far nascere imprese extra agricole. I settori d’intervento sono il turismo sostenibile, la valorizzazione dei beni culturali/ambientali e i servizi alla persona.

Il GAL Madonie al lavoro per sostenere la realizzazione di quindici progetti di impresa, finalizzati alla realizzazione di micro ricettività diffusa (B&B) e al miglioramento dei servizi ad essa connessi, mediante un contributo in conto capitale pari al 75%.

La dotazione finanziaria del bando pubblicato dal GAL Madonie è di un milione e duecentomila euro che saranno spesi a sostegno della nascita di imprese extra agricole nei settori turistico e dei servizi.

Ai finanziamenti potranno accedere gli agricoltori (imprenditori agricoli) che intendono diversificare le loro attività, i coadiuvanti familiari, le ditte individuali e le microimprese.

Una grande opportunità per il territorio delle Madonie e non solo visto che l’area del GAL comprende 34 comuni delle province di Palermo, Enna e Caltanissetta.

L’obiettivo principale è quello di favorire l’inversione di tendenza allo spopolamento delle aree rurali che sta portando alla perdita del patrimonio culturale, delle arti, dei mestieri e alla scomparsa di alcune produzioni tipiche locali.

L’operazione 6.4.c incentiva investimenti per la creazione e lo sviluppo di attività extra-agricole con lo scopo di favorire sia la creazione di nuovi posti di lavoro che la erogazione di servizi finalizzati al miglioramento della qualità della vita delle comunità locali nei territori rurali.  In particolare, l’azione vuole assecondare la crescita della domanda di turismo rurale sfruttando anche il riconoscimento internazionale del brand “Madonie”.

“É una misura importante – afferma il presidente del GAL Santo Inguaggiato – che punta a rafforzare la rete ricettiva e a qualificarla anche sul piano culturale. Gli interventi realizzabili, infatti, consentono il recupero delle identità del territorio attraverso la valorizzazione delle nostre produzioni che, nell’obiettivo di incrementare il turismo sostenibile, esercitano grande attrazione. Il lavoro di informazione che, grazie al contributo degli  animatori, stiamo portando avanti in maniera diffusa nelle sedi dei sub ambiti del GAL (Centri Stella) e capillarmente nei vari comuni, fa registrare notevole interesse e grande partecipazione, soprattutto femminile. Gli incontri, come era nei nostri auspici, sono ovunque andati  ben oltre i bandi e sono diventati – continua Inguaggiato – occasione di confronto  tra  amministratori locali, giovani, imprenditori con esperienza consolidata interessati a potenziare o diversificare le loro attività, e hanno fatto emergere l’importanza delle reti tra operatori e innalzato la consapevolezza sul valore strategico dello sviluppo dal basso.”

 Il bando è rivolto al rafforzamento dell’offerta turistica con la nascita di strutture di B&B e servizi quali: guide, servizi informativi, investimenti in strutture per attività di intrattenimento e per attività di ristorazione. Una particolare attenzione sarà rivolta ai servizi alla persona e alle iniziative portatrici di innovazioni.

Tra gli interventi ammissibili sono compresi la ristrutturazione, recupero, riqualificazione e adeguamento di beni immobili strettamente necessari allo svolgimento esclusivo delle attività di B&B e delle altre attività previste per le imprese extraagricole; interventi nel campo dei servizi di guida ed informazione finalizzati alla fruibilità di musei e beni culturali, di guida ed accompagnamento nella visita turistica di beni paesaggistici, riserve, parchi ed altri elementi naturali; interventi in strutture per attività di intrattenimento, divertimento e ristorazione; interventi per la fornitura di servizi sociali e assistenziali come le attività di riabilitazione e integrazione sociale rivolte prevalentemente ad anziani e soggetti con disabilità, ma anche ad altri soggetti con situazione di svantaggio e tante altre opportunità come elencate nel bando pubblicato sul sito del GAL Madonie.

Il contributo a fondo perduto in regime de minimis aiuterà le imprese che hanno difficoltà di accesso al credito.

La scadenza per la presentazione dei progetti è fissata al 9 dicembre 2019. Tutte le informazioni potranno essere reperite all’indirizzo www.madoniegal.it

Requisito imprescindibile per poter partecipare è quello di avere la sede operativa della propria ditta in uno dei comuni che fanno parte del GAL ISC Madonie.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

redazione

Redazione TeleNicosia.it fondata nel luglio del 2013. La testata è iscritta al Tribunale di Nicosia al n° 2/2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: