Coronavirus. Nuove ordinanze del sindaco di Nicosia con misure meno restrittive per il commercio locale ed ambulante

Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Con l’ordinanza 101 del 4 novembre 2020 il sindaco di Nicosia, Luigi Bonelli, aveva di fatto ordinato la sospensione del mercato settimanale del martedì, giovedì e del sabato nel centro di Nicosia e del lunedì nella frazione Villadoro, la sospensione del commercio ambulante di ogni genere di prodotti su tutto il territorio comunale, compreso il commercio su area pubblica su posteggi mercatali, il divieto di esposizione di prodotti di ogni genere di prodotto all’esterno delle attività commerciali.

Con l’ordinanza 107 del 17 novembre 2020 si è, tra l’altro, disciplinata l’apertura e l’accesso ai supermercati, la chiusura domenicale degli esercizi commerciali, la partecipazione alle veglie funebri e la materia degli assembramenti vietati.

Sulla base della decrescita della curva epidemiologica dell’ultima settimana sono state allentate le misure di contenimento, in ultimo con l’ordinanza del ministro della Salute del 27 novembre 2020 è stato decretato dal 29 novembre 2020 il passaggio della Regione Siciliana da zona arancione a zona gialla. Alla luce degli ultimi provvedimenti nazionali e regionale nonché dell’evolversi della situazione epidemiologica e l’andamento dei casi sul territorio nazionale e in specie, in quello comunale, il sindaco ha voluto riconsiderare le prescrizioni date con le ordinanze 101/2020 e 07/2020.

Con l’ordinanza 111/2020 è revocata l’ordinanza sindacale contingibile e urgente 107/2020 con riguardo alla disciplina limitativa per l’accesso agli esercizi di rivendita di generi alimentari di medie e grandi dimensioni secondo le lettere iniziali del cognome.

Gli utenti dovranno indossare sia all’interno che all’esterno di tutti gli esercizi commerciali, di piccole, medie e grandi dimensioni gli idonei presidi di protezione. All’ingresso di tutti gli esercizi commerciali andrà esposto un cartello visibile con l’indicazione del numero massimo di utenti che possono essere ammessi all’interno contemporaneamente. Quanto alle aperture domenicali e festivi si rinvia ai relativi provvedimenti statali e regionali.

La partecipazione alle veglie funebri presso l’abitazione del defunto o in altro luogo è consentita esclusivamente ai parenti stretti, con assoluto divieto di porgere le condoglianze, di seguire cortei e di presenziare alla tumulazione (sempre salvo ai parenti stretti, e comunque nel numero massino di quindici persone) e con l’obbligo di immediata dispersione dei partecipanti al termine delle cerimonie funebri.

È vietato lo stazionamento in prossimità delle scuole consentendo la fermata esclusivamente per il tempo strettamente necessario ad accompagnare/prelevare l’alunno/a senza stazionare nei paraggi ed evitando di intrattenersi in alcun modo con altre persone.

Lo stazionamento ingiustificato di tre o più persone in luogo pubblico o aperto al pubblico è qualificato in via generale come “assembramento” sanzionabile.

Fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private, nonché per la sosta delle auto, dove consentita, è disposta la chiusura al pubblico tutti i giorni, dalle ore 18 alle ore 6 dei seguenti luoghi: Largo del Mercato; Via Belviso (Piazzale della Croce); Via Gabriello Bonomo; Parco del Castello; Via Beato Felice (adiacenze dell’ex Casa Circondariale); Via Regina Elena; zona ex Educatorio (compreso il piazzale adibito a parcheggio); Largo San Vincenzo; Largo Mortificati; adiacenze dell’ex Ufficio Postale in Via Carlo V; Piazza dell’Orologio.

È obbligatori!o indossare continuativamente la mascherina di protezione in tutti i luoghi all’aperto.

Con la nuova ordinanza, la 113 del 2 dicembre 2020 e con decorrenza immediata fino a nuovo provvedimento, il sindaco ha revocato l’ordinanza 101/2020 nella parte relativa alle prescrizioni per le attività di commercio su aera pubblica con conseguente ripresa nel territorio di Nicosia e nella frazione di Villadoro dell’attività del commercio ambulante e del mercato del martedì, giovedì, sabato e del lunedì a Villadoro. Nella nuova ordinanza destina temporaneamente per lo svolgimento del mercato del sabato il sito di viale Itria in atto destinato al mercato settimanale del giovedì limitatamente al numero dei posteggi autorizzati e demanda il compito dell’assegnazione dei posteggi mercatali nel nuovo sito del mercato del sabato alla Polizia Municipale che dovrà osservare i seguenti criteri: iniziare con direzione viale Magnana con assegnazione dei posteggi per il settore alimentare e a seguire del settore abbigliamento e altro con assegnazione in ultimo dei posteggi mercatali dei cosiddetti mezzi obbligati. All’interno dei vari settori per l’ordine di assegnazione dei singoli posteggi mercatali dovrà tenersi conto delle esigenze deiltitolare e in caso di contrasto si procederà con il sorteggio.

 


Condividi l'articolo su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sergio Leonardi

Sergio Leonardi è un giornalista nato a Messina. Laureato nel 1992 in Economia e Commercio. Con la passione per la statistica, informatica, storia, sport e politica. Tra i fondatori di telenicosia.it